ARTISTS.  EXHIBITIONS.  PROJECTS.  CATALOGUES.  NEWS.  ABOUT.  CONTACTS.  

Dal suo esordio sulla scena internazionale nei tardi anni Ottanta, la ricerca di Paul Ferman è stata ampiamente esposta in musei e gallerie, in Australia e in Italia, ma anche in Irlanda, nei Paesi Bassi, in Svizzera e negli Stati Uniti. Le sue serie fotografiche, nate dall'unione di pellicole di negativi e manipolazione digitale,
si fondano su temi ricorrenti come quelli di memoria e declino. Dal Duemila, Ferman ha prodotto differenti serie di opere ispirate a botanica, archeologia romana, tragedia shakespeariana, scomparsa della madre, cinismo dei mass-media, luci notturne di Tokyo, vacuità del deserto australiano.

Tra le sue esposizioni personali ricordiamo: King Street Gallery e Roslyn Oxley9 Gallery a Sydney, Span Gallery a Melbourne, Galleria Il Ponte Contemporanea e Pino Casagrande a Roma, Bencivart a Pesaro, Anita Neugebauer a Basel, OPTS a San Francisco e Front Room Gallery a Singapore. Le sue opere sono state incluse in collettive presso: Palazzo delle Esposizioni a Roma, Museo d’Arte Contemporanea di Gallese (VT), Manly Art Museum di Sydney, Galleria Lipanjepuntin a Trieste, Gallery Wessel + O’Connor a New York. Attualmente, la sua serie di fotografie sovraesposte ispirate alle battaglie del Fronte Occidentale in Francia e in Belgio è in inclusa in Salient, esposizione itinerante in sei gallerie pubbliche regionali australiane. Le sue fotografie in bianco e nero e a colori
di grande formato possono essere ammirate nelle collezioni della Biblioteca nazionale di Parigi, nella Chartwell Collection di Christchurch (Nuova Zelanda), presso la Macquarie Bank di Sydney e il Tasmanian Museum and Art Gallery, solo per citarne alcune.

Scroll Up
 
Scroll Down
PAUL FERMAN

 
BIOGRAPHY
EXHIBITIONS
 
STUDIO STEFANIA MISCETTI  •  VIA DELLE MANTELLATE 14  •  00165 ROMA  •  T/F +39 (0)6 68805880  •  EMAIL: INFO@STUDIOSTEFANIAMISCETTI.COM  •  P.IVA 04911641001